Tu sei qui

Partecipazione al concorso FAST - “I giovani e le scienze 2020”

StampaSalva .pdf

Il “Malignani” si conferma Istituto di eccellenza! Per la 21^ edizione consecutiva  partecipa con successo al concorso “I giovani e le scienze 2020 - Quando le STEAM diventano realtà” - Selezione italiana per il 32° concorso dell’Unione Europea dei giovani scienziati (EUCYS) e per i più prestigiosi incontri internazionali degli studenti eccellenti.

Il nostro Istituto, rappresentato da Gloria Bisaro (4^LSA C), Isabella Corso (4^LSA B) e Leonardo Danelutti (4^LSA B), ha presentato il progetto “Interfacing and monitoring of plants electrical biosignals”, che è stato premiato dalla giuria con l’accreditamento per la partecipazione a “GENIUS” – Olimpiade sulle questioni ambientali globali a ROCHESTER (New York – USA) e con un riconoscimento in memoria della Prof. ssa Eliana Ginevra, ricordata durante la cerimonia di premiazione, trasmessa in streaming il 9 marzo 2020 dalla sede della FAST (Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche) di Milano.

All’evento, inserito nel programma del MIUR per la valorizzazione delle eccellenze, hanno partecipato 75 finalisti italiani con 30 progetti e 19 invitati dall’estero con 8 contributi.

Tutto questo è stato possibile grazie al supporto dei docenti Annamaria Boasso, Gianfranco Chiap, Elisa Del Terra, Adriano Rodaro e dell’assistente tecnico Lorenzo Bianchini.

Un ringraziamento speciale va al Dirigente Scolastico, prof. Andrea Carletti, che ha creduto e supportato la realizzazione del progetto.

Il lavoro riguarda uno studio sulla correlazione fra i biosegnali elettrici di comunicazione generati dalle piante e i fattori di stress biotici e abiotici dell’ambiente circostante. Per effettuare il monitoraggio delle piante sono state utilizzate diverse famiglie di sensori (umidità, temperatura e luminosità) e i segnali elettrici sono stati rilevati attraverso elettrodi Ag-AgCl posizionati in vari punti di interesse (fusto, piccioli e foglie). Utilizzando un’interfaccia elettronica a microprocessore, i vari segnali analogici sono stati acquisiti, convertiti, memorizzati, elaborati ed interpretati al fine di individuare sequenze specifiche di forme d’onda (patterns) in modo da poter trarre informazioni utili per la coltivazione delle piante e realizzare un sistema integrato IoP (Internet of Plant) di controllo.

Complimenti al gruppo di progetto e in bocca al lupo per i prossimi incontri internazionali

Il team ha partecipato al programma di Rai Radio 1 "L'aria che respiri - Concorsi per l'ambiente, la querelle delle tartarughe e foreste e boschi" del  14/03/2020.

E' possibile ascoltare l'intervista al seguente link (dal minuto 17.35):