Tu sei qui

L’Utilità dell’Inutile

StampaSalva .pdf

“Verso la trasformazione delle cose e del pensiero”  è il concept di un percorso ricco ed affascinante che ha avuto il suo esordio con una giornata di lavori lo scorso 25 ottobre presso l’aula magna del nostro istituto ed ha accolto gli istituti udinesi Copernico e Percoto, oltre agli studenti e docenti interni. L’ospite, il prof. Nuccio Ordine - cattedra di letteratura italiana presso l’Università della Calabria - ha entusiasmato la platea introducendo “L’utilità dell’Inutile”, tema peraltro affrontato nel suo libro pubblicato per la prima edizione da Bompiani nel 2013. Autore di vari saggi, oltre che editorialista del Corriere della Sera e di El Pais, il noto scrittore è stato invitato da Giovanni Floreani (associazione culturale Fûrclap) a partecipare alla quinta edizione del Festival Mimesis della filosofia, introdotto dal prof. Damiano Cantone (per Mimesis) e dal prof. Alberto Della Piana, che in rappresentanza del Dirigente Scolastico, ha portato i suoi saluti. Infine molto coinvolgenti gli interventi degli studenti universitari Aaron Collavini e Tommaso Piani, ex allievi del nostro istituto, che hanno supportato la tesi del professore con contributi del loro personale percorso di studi.

La Conoscenza deve tener conto in pari opportunità della cultura scientifica e di quella umanistica: questa è in buona sostanza la sintesi dell’appassionante relazione del prof. Ordine, il quale ha più volte ribadito la necessità di riappropriarsi del tempo e della gioia di imparare a prescindere dai personali obiettivi materiali. Attorno a questo concetto, sono emersi a suo parere i limiti di un rigore praticamente nullo - perchè mai dovrebbe essere consentito tenere in classe il cellulare acceso? - e di un metodo di apprendimento finalizzato al risultato effimero - incapacità di relazionarsi con la multidisciplinarietà - ed infine la predisposizione a “fare solamente ciò che produce profitto o vantaggio”.

Un sistema scolastico farraginoso, esageratamente burocratizzato, accanto all’allarmante meccanismo dei “crediti - debiti” che oramai prevale sull’effettiva preparazione dello studente, difficilmente potranno favorire un apprendimento libero da obiettivi legati esclusivamente al profitto o alla certezza di una sistemazione lavorativa.

Ed è proprio da queste riflessioni che ha inizio fin dai primi di novembre, un programma di iniziative articolate in incontri, spazi riflessivi e laboratori interni ed esterni alla scuola e che si concretizzerà in due specifiche azioni denominate “In Utile”: l’evento Udine Design Week nei primi giorni di marzo 2019 e alcune performance multidisciplinari a partire dal mese di maggio 2019 per Vicino/Lontano. Per eventuali informazioni, collaborazioni e/o partecipazioni contattare la prof. Ofelia Croatto referente dell’attività (ofelia.croatto@malignani.ud).

Contenuto in: