Tu sei qui

Dodici allievi MALIGNANI per un mese in Germania!...grazie ai progetti PON!

StampaSalva .pdf
Sedi: 

Si è conclusa l’esperienza dei nostri studenti presso la base della Luftwaffe di Erding resa possibile grazie al finanziamento con i Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014- che ha interamente coperto i costi del Progetto. (Candidatura N. 1018193 9901 del 20/04/2018 - FSE - Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro - Seconda edizione Titolo Progetto - “Formazione in ambito lavorativo transnazionale”. Identificativo Progetto 10.6.6B-FSEPON-FR-2019-3 CUP-J68H18000490007) e come sempre in questi casi è tempo di bilanci.

Dal 24 ottobre a tutto il 21 novembre di quest’anno, infatti, l’Ausbildungswerkstatt in Fliegerhorst Der Luftwaffe - Instalthandlung - Regiment 1 di Erding, ridente ed accogliente cittadina bavarese a 45 km da Monaco è stata la sede operativa e logistica per dodici allievi delle classi quinte della sezione Aeronautica della nostra scuola che qui , sotto la supervisione del Tutor della base, Meyer Stephan Alexander, e di quello scolastico, prof. Silverio Allocca, coadiuvati da un gruppo di militari della Bundeswehr, sono stati impegnati in un ampio programma di attività manutentive operando tanto sulle parti avioniche dei Panavia P200 Tornado, di un F-104 e di un Bo105, quanto sui motori a disposizione quali il Turbo- Union RB199, il turbogetto General Electric J79 - sia nella variante in uso sugli F-104F e G prodotta su licenza del GE-11A dalla MTU (J79-MTU-11A/J1K)- che quella in uso sui Phantom II 4E ed F ed l'Avco Lycoming GO-480-B1A6.

L'attivitá sulle parti avioniche è consistita del disassemblaggio, ispezione e successivo riassemblaggio di sistemi avionici quali carrelli, sistemi frenanti, rotori, pale e code di elicotteri, alettoni, cavo di arresto, e via discorrendo, del ripristino delle necessarie frenature nonché di quello dei collegamenti al sistema di governo idraulico delle parti oggetto della attività manutentiva (compreso quello elettronico del fly-by-wire, come nel caso del Tornado) procedendo, infine, alle verifiche previste per accertare la corretta esecuzione dei lavori eseguiti.

Analogo discorso dicasi per il lavoro svolto sulle diverse parti dei motori a disposizione intervenendo direttamente sui compressori di bassa ed alta pressione, sulle camere di combustione, sulle pompe e filtri carburante, pompe e filtri olio, sui circuiti idraulici, sui preriscaldatori ad olio del carburante, sul sistema degli iniettori, …. , tutti elementi disassemblati, ispezionati e riassemblati effettuando le necessarie frenature secondo le modalità richieste.

Alla attività specifica in hangar ha fatto poi da corollario tutta una serie di visite quale quella alla sede della MTU di Monaco, primaria azienda produttrice di motori per aerei ed alla sua distaccata operante entro il perimetro della base. Di non secondario interesse l'incontro confronto con gli aspetti della quotidianità di vita in Germania, i suoi usi e costumi ha conferito un indubbio valore aggiunto a qualcosa che è stato vissuto con intensità dai giovani partecipanti al progetto .

Significative le testimonianze spontanee rese da alcuni studenti che meglio di qualsiasi altra considerazione integrano quanto sin qui esposto .

Boni Igor 5^AER A

Un'esperienza davvero interessante che mi ha permesso non solo di relazionarmi con quello che potrebbe essere un futuro ambiente di lavoro, ma anche di fare nuove amicizie, di conoscere e collaborare con ragazzi stranieri e di scoprire qualcosa di nuovo sulla cultura di un paese estero.

L'aspetto che ho ritenuto più avvincente ed interessante nel suo complesso è stato il lavorare effettivamente su velivoli una volta operativi. Qui ho potuto sperimentare la mie abilità di organizzazione, di gestione e del team working, in quanto operavamo in coppie. Oltre a questo anche la parte relativa ai motori aeronautici si è rivelata molto soddisfacente.

In definitiva non posso non sottolineare che il tirocinio é andato decisamente oltre le aspettative.

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Tondon Federico - 5ª AER D

Tutta l'esperienza vissuta nel percorso di alternanza scuola-lavoro è stata particolarmente positiva: innanzitutto perchè ho dovuto trascorrere un mese lontano da casa, badando a me stesso in maniera completamente autonoma, in un ambiente nuovo, in una città diversa, più grande rispetto a quelle in cui sono abituato a vivere; ho dovuto condividere gran parte della mia giornata con gli altri ragazzi che hanno partecipato al progetto (con cui mi sono trovato benissimo) e soprattutto ho dovuto utilizzare l'inglese come lingua principale nel contesto lavorativo e quotidiano al di fuori del gruppo.

Inoltre questa esperienza mi ha dato la possibilità di mettere in pratica la teoria studiata finora a scuola, mettendo mano su aerei e motori ed acquisendo ancora più competenze. Insomma un’esperienza che mi ha iniziato al mondo del lavoro, bella, interessante, circondato da persone preparate e disponibili, che sarei pronto a rifare immediatamente.

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Cazzola Riccardo 5 Aer A

Il periodo di alternanza scuola lavoro passato all’estero lo ritengo un’esperienza davvero significativa in quanto mi ha permesso non solo di migliorare le mie abilità lavorative ma anche mi ha reso in grado di relazionarmi con altri ragazzi della mia età, e non solo, e creare un ottimo legame con loro.

La possibilità di eseguire pratiche di manutenzione su dei velivoli davvero differenti rispetto a quelli sui quali solitamente ho lavorato in esperienze precedenti é stata un’occasione più unica che rara ed è per questo motivo che ho cercato di imparare il più possibile durante l’esperienza.Inoltre sono stato in grado di migliorare le mie abilità per quanto riguarda il lavoro di gruppo dato che molte operazioni venivano svolte in coppia.

Aver passato un mese in una realtà differente da quella solita mi ha permesso di diventare molto più autonomo di quanto già non lo fossi.

Di questa esperienza avrò sempre un magnifico ricordo e sarei disposto a rifarla altre volte.

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Serafini Davide (Man) - 5AERC

L'esperienza di alternanza scuola lavoro svoltasi presso la base militare di Erding è stata un esperienza che mi ha permesso di affacciarmi al mondo del lavoro ed in particolare al settore della manutenzione aeronautica, il che ha ampliato notevolmente alcune mie conoscenze nella materia, consentendomi anche di mettere in pratica alcuni cenni teorici trattati in ambito scolastico oltre che a chiarirne alcuni attraverso la pratica. Inoltre l'esperienza mi ha permesso di relazionarmi con altre persone anche migliorando la mia abilità nel lavoro di squadra. Il fatto di aver passato un mese lontano dalla quotidianità inoltre mi ha dato la possibilità di mettere alla prova me stesso portandomi a riflettere sul mio futuro e aiutandomi a chiarire alcuni dubbi su di esso.

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Paviotti Mattia (Freddy)- 5AERC

Questa fantastica esperienza mi ha permesso di entrare in un ambito lavorativo diverso da quello che si può trovare sul nostro territorio. In particolare il lavoro su aeromobili militari, che mi ha permesso di applicare quanto studiato, sin qui prevalentemente solo dal punto di vista teorico, nella pratica manutentiva e quindi di testare, oltre alle mie capacità di apprendimento, anche le mie capacità pratiche nell'applicare quanto studiato e quanto apprendevo sul momento da coloro che ci seguivano. Per concludere, anche l'ambiente in cui mi trovavo era perfetto, sia per i tutor che ci seguivano che tra noi ragazzi dove si è formato un gruppo fantastico.

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Provenzani Gianmarco (Spacich) - 5 Aer C

L’esperienza svolta presso la base militare di Erding, si è rivelata molto utile per una serie svariata di fattori.

Mi ha infatti permesso di lavorare in un ambiente molto particolare ma, al tempo stesso, rivelatosi molto utile ai fini-oltre che didattici- anche umani.

È proprio grazie a questa esperienza che sono riuscito ad aprire gli occhi sul mondo del lavoro offerto dal settore aeronautico e tutto ciò mi ha sicuramente fatto riflettere molto su ciò che potrebbe essere il mio futuro.

Ho inoltre provato per la prima volta sulla pelle, cosa significhi essere totalmente indipendenti e autonomi per un periodo di tempo superiore alla settimana e ciò mi ha sicuramente fatto bene, anche in prospettiva futura.

Last but not least, durante il mese si è formato veramente un bel gruppo sotto tutti gli aspetti, motivo per cui, se potessi, non direi di no alla ripetizione di un’esperienza simile!

Formazione in ambito lavorativo transnazionale

Cazzola Riccardo (Comparoch) 5Aer A

Il periodo di alternanza scuola lavoro passato all’estero lo ritengo un’esperienza davvero significativa in quanto mi ha permesso non solo di migliorare le mie abilità lavorative ma anche mi ha reso in grado di relazionarmi con altri ragazzi della mia età, e non solo, e creare un ottimo legame con loro.

La possibilità di eseguire pratiche di manutenzione su dei velivoli davvero differenti rispetto a quelli sui quali solitamente ho lavorato in esperienze precedenti é stata un’occasione più unica che rara ed è per questo motivo che ho cercato di imparare il più possibile durante l’esperienza.Inoltre sono stato in grado di migliorare le mie abilità per quanto riguarda il lavoro di gruppo dato che molte operazioni venivano svolte in coppia.

Aver passato un mese in una realtà differente da quella solita mi ha permesso di diventare molto più autonomo di quanto già non lo fossi.

Di questa esperienza avrò sempre un magnifico ricordo e sarei disposto a rifarla altre volte.

Gattullo Alessandro 5Aer A

Ritengo che l'esperienza fatta in Germania presso la base militare di Erding sia stata una un'esperienza che non capita tutti i giorni; poter lavorare sui Tornado e sui F104 non sono cose che capitano a chiunque.
L'esperienza mi ha arricchito molto dal punto di vista tecnico/professionale perchè abbiamo potuto lavorare in modo autonomo su motori aeronautici imparando le basi (fare le frenature) e arrivando via via a lavori sempre più complessi e lunghi (smontaggio della pompa del carburante nella tanica del Tornado).  Un altra cosa che ho trovato molto interessante era il fatto che dopo aver smontato qualunque pezzo ti facevano vedere uno spaccato e ti spiegavano il suo funzionamento in tutti i particolari.
Questa esperienza mi ha permesso di conoscere anche ragazzi di altre sezioni con i quali abbiamo subito legato, creando un gruppo molto compatto e affiatato. Questo ha sicuramente reso la permanenza presso la base molto piacevole.
In conclusione posso dire che l'esperienza mi è piaciuta moltissimo e la consiglierei a chiunque, in quanto ci si può sentire veri manutentori aeronautici per 1 mese.

Per tutto questo uno speciale ringraziamento al prof. Fausto Senatore che è stato il curatore del progetto e al prof. Silverio Allocca che ne è stato l'entusiasta attuatore come tutor in situ e alle docenti di lingua inglese che hanno seguito le preparazioni "linguistiche" ...grazie a tutti/e per la competenza ed abnegazione.

Contenuto in: